Go to
ENTERPRISE
PROPERTY

team

News

Serie A sotto i 30 falli a partita

In occasione della riunione tra le diverse componenti del campionato di Serie A, il presidente dell’AIA ed il designatore Braschi hanno espresso la loro soddisfazione in merito al comportamento in campo dei giocatori. I dati in possesso evidenziano infatti un trend positivo ove l’Italia tende sempre di più ad avvicinarsi ai principali campionati di calcio europei.

Si fischia meno o il nostro calcio sta diventando più pulito?

Estensione a livello internazionale delle sanzioni comminate dalla FIGC

La FIFA ha reso noto, tramite un comunicato stampa, l’estensione a livello internazionale delle sanzioni comminate dalla Federcalcio ai 26 giocatori (23 italiani, un belga, un bielorusso e un croato) e un dirigente coinvolti nello scandalo Calcioscommesse e, precisamente, nei filoni di inchieste meglio noti come “Bari bis” e “Cremona quater”.

Le sanzioni sono state applicate a livello internazionale in virtù delle previsioni contenute negli artt. 136 ss del FIFA Disicplinary Code (“If the infringement is serious, in particular but not limited to doping, unlawfully influencing match results, misconduct against match officials, forgery and falsification or violation of the urles governing age limits, the associations, confederations, and the other organizing sports bodies shall request to extend the sanctions they have imposed so as to have worldwide effect”) e ciò rappresenta, indubbiamente, un ulteriore passo nella lotta alle manipolazioni delle partite.

 

I primi effetti favorevoli del Fair Play Finanziario

La UEFA pubblica sul proprio sito (www.uefa.come) uno studio comparativo da cui emergono dati confortanti sull’applicazione dei criteri del fair play finanziario. Il rapporto analizza in maggior dettaglio la situazione finanziaria e sportiva dei club nell’anno 2012, che sarà il primo valutato secondo il criterio di parità di bilancio previsto dal fair play finanziario. In particolare si evidenzia nel corso del 2012 un calo di oltre 600 milioni di euro nelle perdite complessive dei club, così come un aumento delle perdite superiore all’aumento delle spese per stipendi.